Come proteggersi da punture di Meduse e Insetti - Farmacia di Legino




Con l'arrivo della bella stagione arrivano anche alcune piccole insidie con cui ci tocca combattere quotidianamente. Per un territorio interessato sia dal mare che dalla campagna, come quello di Savona, parliamo delle punture che possono infliggerci Meduse e Insetti.

Ecco per voi alcuni #Farmaconsigli dei Farmacisti della Farmacia di Legino, in grado di aiutarvi ad evitare e/o curare le punture di Meduse e Insetti.  

Proteggersi dalle punture di Medusa


Prima di tutto, va detto che alle nostre latitudini è estremamente raro incontrare meduse che possano essere definite veramente pericolose.  In ogni caso, il surriscaldamento globale sta portando a mutamenti climatici che potrebbero attirare speci tropicali con le quali non siamo abituati ad aver a che fare. Dunque, è meglio porre attenzione.


La puntura di una medusa avviene quando entriamo in contatto con i tentacoli. Gli effetti possono essere vari: bruciore, prurito, eritema (un rossore localizzato), leggero formicolio/intorpidimento e a volte la creazione di bolle o piccole vesciche.

La cosa migliore da fare, se punti, è uscire subito dall'acqua, senza farsi prendere dal panico, ma senza nemmeno esitare troppo.

Una volta fuori, cosa fare?


- Lavare la parte colpita con acqua di mare

- Rimuovere eventuali residui di tentacolo (utilizzando una carta rigida - formato tipo carta di credito, bancomat o tesserino) grattando la pelle contro-pelo

- Applicare un gel astringente al cloruro di alluminio (a nostro parere una delle migliori soluzioni percorribili)

Vuoi sapere di più sul Gel?



- Chiamare il 118 o recarsi al pronto soccorso, solo nel caso in cui si presentino altri sintomi (nausea, vomito, vertigini, giramenti di testa) perchè potrebbero essersi innescate reazioni allergiche

Proteggersi dalle punture di Insetto



Parlare di "Insetti" è ovviamente molto generico. Ci sono comunque alcune pratiche comuni utili un po' per tutti i tipi di puntura provocate dagli insetti maggiormente diffusi nei periodi estivi:

Cercare di coprire il più possibile la pelle. Può sembrare assurdo e impraticabile in Estate, ma vi sono ottime soluzioni anche per questo. Ad esempio, indossare indumenti di lino (o comunque di materiali freschi e leggeri) che ci consentano dunque di essere protetti senza però morire di caldo. 

- Evitare zone boschive, di aperta campagna, paludose o lacustri (soprattutto se si sa di essere allergici alle punture di insetto). E' ovvio che gli insetti (sopratutto le tipologie più comuni) possono essere ovunque, ma sicuramente dove la natura è più rigogliosa anche i nostri amici insetti sono più a loro agio. Dove c'è molta acqua, a prosperare sono sopratutto le Zanzare.

- Utilizzare repellenti e pomate.  Anche se non ci si può proteggere al 100% è comunque un'ottima pratica quella di far uso di repellenti o pomate. In commercio oggi ci sono un'infinità di opzioni (prodotti naturali, a basso contenuto di cortisone, ecc.) che permettono a chiunque di trovare la soluzione più adatta per se.

Vuoi un consiglio su quale prodotto utilizzare?




- Controllarsi sempre in tutte le parti del corpo (soprattutto dopo gite all'aperto). Questo è un consiglio valido principalmente per le Zecche che, come sappiamo, hanno la brutta abitudine di ancorarsi al corpo, innescando conseguenze poco piacevoli (come infiammazioni, febbre alta o infezione). Tenere sott'occhio la propria superficie corporea è in ogni caso utile anche per altre tipologie d'insetto: può aiutarci a notare punture di cui non ci si era accorti o ancora a rimuovere insetti rimasti incastrati tra i vestiti. 

- Se si viene punti, disinfettare subito la ferita senza fregare troppo! E' importante prendere subito la situazione in mano, rimuovendo corpi estranei (es. i pungiglioni delle api) e disinfettando l'area interessata. Occhio però allo sfregamento troppo energico! Potrebbe infiammare ulteriormente o frantumare in tanti pezzettini corpi estranei ancora presenti o non rimossi correttamente. Fate le cose con calma.

- Se si avvertono sintomi più importanti (vertigini, difficoltà respiratorie, gonfiore diffuso su più parti del corpo, ecc.) andare subito al pronto soccorso o chiamare il 118. Sembrerà banale, ma è bene tenerlo a mente.




Come sempre vi ringraziamo per aver letto l'articolo e rinnoviamo l'invito a continuare a seguire la nostra rubrica di #farmaconsigli.

Per domande, chiarimenti o curiosità i nostri farmacisti sono sempre pronti a rispondere ai vostri dubbi, sia via mail che direttamente in Farmacia.



Al prossimo #farmaconsiglio !